Diabete, podologia e COVID-19: perché sono collegati?

Il diabete mellito tipo II è una malattia cronica su base multifattoriale caratterizzata dalla combinazione di resistenza periferica tissutale all’insulina e alterata secrezione di insulina da parte delle cellule beta del pancreas che porta ad un aumento di glucosio nel sangue. Questa patologia nella maggior parte dei casi si sviluppa in età adulta e spesso è associata ad obesità, ipertensione arteriosa e dislipidemia. Questi fattori legati al diabete, insieme al fumo, sono i principali elementi di rischio per la patologia cardio e cerebrovascolare.

Quali sono i principali sintomi del diabete? Risponde il Dott. Davide Malpassi, specialista Endocrinologo e Diabetologo di Casa della Salute.

Come tutte le patologie croniche, anche il diabete è una patologia molto subdola e nelle prime fasi può essere asintomatica. In fase più tardiva possono comparire sintomi quali un aumento del volume urinario (poliuria), aumento della sete (polidipsia), aumento della fame (polifagia). Inoltre, sono frequenti i casi in cui il diabete mellito tipo II viene diagnostico in seguito al manifestarsi di complicanze come infarto o ictus.

Qual è la strada giusta per un ottimale controllo glicemico e per prevenire le complicanze del diabete

Il diabetologo gioca un ruolo fondamentale nella personalizzazione della terapia (anche grazie all’entrata in commercio negli ultimi anni di nuovi farmaci) per ottenere livelli di emoglobina glicata adeguati per ogni singolo paziente. Tutto ciò consente di prevenire le complicanze quali l’infarto, l’ictus, la vasculopatia periferica degli arti inferiori, la retinopatia, la nefropatia e la neuropatia diabetica.

Inoltre, in questo momento la prevenzione e la diagnosi precoce della patologia è ancora più importante. Perché? Perché esiste un legame tra diabete e COVID-19, ed è possibile diagnosticare precocemente la malattia tramite diversi segnali, tra cui quelli offerti dalla podologia.

Dottor Malpassi, esiste una correlazione tra diabete e COVID-19? 

È noto come nei pazienti diabetici ci sia una gravità maggiore dell’infezione da COVID-19 ed un rischio più a alto di sviluppare complicanze come il distress respiratorio e l’insufficienza multiorgano.
Il virus Sars-CoV2 determina iperglicemia riducendo la produzione endogena di insulina e nel paziente diabetico entra più facilmente nelle cellule attraverso una maggiore espressione del recettore (ACE2).
Pertanto il paziente diabetico può avere un’infezione da Sars-CoV2 più grave ed esso può peggiorare il diabete.
Per questo motivo è utile un controllo metabolico ottimale (pressorio, glicemico, lipidico) attraverso modifiche comportamentali dello stile di vita e attraverso l’ottimizzazione della terapia.

Qual è, invece, il legame tra diabete e podologia? Risponde la Dott.ssa Amanda Traverso, Podologa di Casa della Salute.

Una delle complicanze del diabete è il piede diabetico e il podologo rappresenta la prima arma di prevenzione per il paziente. Spesso non si conoscono le problematiche che questa condizione può portare e soprattutto non si sa a quale figura rivolgersi oltre al diabetologo.

Il piede, essendo una struttura periferica, è spesso sottovalutato e poco controllato ma neuropatia e problemi vascolari sono due delle complicanze croniche che il glucosio provoca su fibre nervose e vasi sanguigni. La neuropatia impedisce al paziente di sentire gli stimoli dolorosi, tattili e termici o portare ad alterazioni anatomiche del piede. Per quanto riguarda, invece, l’ambito vascolare, identificare un arto con possibile problema venoso o arterioso tramite un attento esame obiettivo è il primo passo per prevenire delle possibili complicanze, come le ulcere. Quindi il podologo è parte integrante del team di professionisti che tratta questa patologia avendo un ruolo importante nella prevenzione, ma non solo. Infatti, quando viene diagnosticato effettivamente un piede diabetico esso può essere seguito nel modo corretto dal podologo durante tutta la terapia per monitorare la situazione attraverso trattamenti podologici periodici e plantari su misura per il paziente.

Il diabete è una condizione da non sottovalutare, per questo è importante la prevenzione e una diagnosi precoce di questa patologia, in modo da poter valutare tempestivamente la terapia più adatta che può variare da persona a persona. Per questo motivo, in occasione della Giornata Mondiale del Diabete, il 14 Novembre 2020 Casa della Salute offre ai suoi pazienti un consulto gratuito con uno dei nostri Specialisti. Per prenotare il tuo consulto, inviaci un messaggio qui.